SKYPE – Da Start-Up a “spun off”

Il sogno di ogni giovane impresa è crescere e consolidarsi economicamente. Per questo si rende il più possibile noto il proprio progetto, in attesa di finanziatori che credano nel progetto o magari un grosso compratore interessato ad avere l'esclusiva del servizio.
Le start-up digitali in queste anni sono state molto brave a farsi conoscere e creare delle fortissime aspettative sulle loro potenzialità commerciali. E alcune di queste sono state acquistate dai grandi imprese.

Ma la situazione di questi enfant prodige dell'informatica, dopo alcuni anni, non è chiara. Grandi potenzialità ma pochi ricavi economici. E' il problema di YouTube con Google, come anche e da più tempo di Skype con eBay.
Oggi il piano di eBay è far tornare Skype entro il 2010 un'azienda esterna, indipendente, per farle sviluppare al meglio un core-business che appare poco legato all'attività delle aste online.

Che sia stato un acquisto avventato o dai risultati scadenti (incluso la qualità del servizio), oggi il destino delle due imprese diverge. Rimane comunque l'esempio di esser stata una start-up che ha dato vita ad una grande innovazione.
E aver seminato per i sogni di milioni di altri giovani imprenditori del bit.

>>> Calling All Investors: eBay Announces Plans To IPO Skype In 2010 (TechCrunch)


(m.l.)


.